Ad Aragón Gara 1 del WorldSBK va a Rea su Kawasaki davanti alle Ducati di Davies, Forés e Melandri; bene le prestazioni di tutte le soluzioni portate da Pirelli nonostante le basse temperature

Alcañiz (Spagna), 14 aprile 2018 – Sotto un cielo plumbeo e con temperature dell’aria vicine ai 10° C e dell’asfalto mai superiori ai 20° C, si è svolta oggi sul tracciato spagnolo di
Motorland Aragón Gara 1 del
Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike che ha visto salire sul gradino più alto del podio il Campione del Mondo in carica
Jonathan Rea, seguito sul traguardo da ducati
Chaz Davies e
Xavi Forés, quest’ultimo primo fra i piloti dei team privati.

 

La
scelta dei pneumatici da utilizzare, anche per via delle temperature piuttosto base, non è stata facile. La maggior parte dei piloti al posteriore ha utilizzato a nuova SC1 di sviluppo X0140, progettata da Pirelli per offrire una elevata costanza di prestazioni e un’usura contenuta. Per quanto riguarda l’anteriore la SC1 di sviluppo V0952 si conferma come la soluzione più amata dai piloti.

 

Alla partenza di
Gara 1 scatta bene dalla seconda casella in griglia
Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) mentre
Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati),
partito dalla pole, perde diverse posizioni. Nel corso del terzo giro un incidente che coinvolge Leon Camier e Lorenzo Savadori obbliga la direzione gara ad esporre la bandiera rossa e far rientrare tutti i piloti ai box per prestare soccorso a Leon Camier e permettere lo spostamento delle moto. Diciassette i giri da percorrere alla ripartenza. Rea parte sùbito bene ma nel corso del terzo giro è
Alex Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Team) a portarsi in testa alla corsa. Alle loro spalle i piloti Ducati Marco Melandri,
Xavi Forès (Barni Racing Team) e
Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati).
Nel corso del quarto giro Rea torna in testa alla gara con un sorpasso ai danno di Lowes, quest’ultimo poco dopo sarà costretto a cedere il passo anche a Melandri e a Forés.

La Ducati ufficiale e quella privata si lanciano all’inseguimento della Kawasaki del Campione del Mondo in carica formando un terzetto di testa racchiuso in meno di mezzo secondo di distacco.

Nel frattempo Davies si porta in quarta posizione e Michael Van Der Mark in quinta mentre il compagno di squadra dell’olandese scivola in sesta.

Alla metà garà Xavi Forés riesce a superare prima il pilota ufficiale Ducati Marco Melandri e poi Jonathan Rea diventando così il nuovo leader della corsa. Ma
Rea non ci sta e nel corso del tredicesimo giro si riprende la posizione persa, alle sue spalle le tre Ducati di Forés, Melandri e Davies. Sul finale il nordirlandese allunga a due secondi il distacco dagli inseguitori andando così a tagliare il traguardo per primo. Alle sue spalle
Chaz Davies, che supera all’ultimo giro sia il compagno di squadra Marco Melandri che Xavi Forés, chiude la gara al secondo posto. Prestazione degna di nota quella di
Xavi Forés che chiude la gara sul gradino basso del podio dopo averla dominata per diversi giri con la Ducati del team privato Barni Racing Team. Quarto posto per
Marco Melandri.

 

Classifica WorldSBK Gara 1:
 

1) J. Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK)
2) C. Davies (Aruba.it Racing – Ducati)

3) X. Forés (Barni Racing Team)

4) M. Melandri (Aruba.it Racing – Ducati)

5) M. Van Der Mark (Pata Yamaha Official WorldSBK Team)

6) T. Sykes (Kawasaki Racing Team WorldSBK)

7) A. Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Team)

8) M. Rinaldi (Aruba.it Racing – Junior Team)

9) T. Razgatlioglu (Kawasaki Puccetti Racing)

10) R. Ramos (Team GoEleven Kawasaki)

11) L. Baz (GULF ALTHEA BMW Racing Team)

12) J. Gagne (Red Bull Honda World Superbike Team)

13) D. Giugliano (Milwaukee Aprilia)

14) Y. Hernandez (Team Pedercini Racing)

15) L. Savadori (Milwaukee Aprilia)

16) P. Jacobsen (TripleM Honda World Superbike Team)

17) O. Jezek (Guandalini Racing)

RT) L. Mercado (Orelac Racing VerdNatura)

RT) J. Torres (MV Agusta Reparto Corse)

RT) L. Camier (Red Bull Honda World Superbike Team)

RT) V. Leonov (SPB Racing Team)

 
Le soluzioni Pirelli scelte dai piloti per WorldSBK Gara 1:
 
In Gara 1 i piloti hanno utilizzato un po’ tutte le soluzioni a loro disposizione.
Al posteriore, viste anche le temperature dell’asfalto inferiori ai 20° C, le preferenze dei piloti sono andate alla nuova SC1 di sviluppo X0140 (opzione B), utilizzate da 13 dei 20 piloti in griglia. I restanti piloti hanno optato per la SC1 di gamma (opzione C) o per la nuova SC0 di sviluppo W1050 (opzione A).
Per quanto riguarda l’anteriore la soluzione più utilizzata è stata ancora una volta la SC1 di sviluppo V0952 (opzione C) scelta da quasi tutti i piloti in griglia. La nuova SC1 di sviluppo W0494 (opzione D) è stata utilizzata da Jonathan Rea, Toprak Razgatlioglu e Román Ramos.
 


Le statistiche Pirelli per WorldSBK Gara 1:
 
• Vincitore del PIRELLI BEST LAP AWARD: Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati),in 1’50.663 al 2° giro
• Soluzione anteriore più utilizzata: SC1 di sviluppo V0952 (17 su 20 piloti)
• Soluzione posteriore più utilizzata: SC1 di sviluppo X0140 (13 su 20 piloti)
• Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Superbike in gara: 316,7 km/h, realizzata da Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati) al 3° giro
• Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe Superbike: 6 anteriori e 6 posteriori
• Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota Superbike: 73, 39 anteriori + 34 posteriori
• Temperatura aria: 11° C
• Temperatura asfalto: 19° C